06 80692287
22 Giugno 2021

DURATA: 4 ore

09:30 – 13:30

MODALITA’ WEBINAR

COSTO: € 200,00

PROMOZIONI e SOLUZIONI AGEVOLATE PER ISCRIZIONI MULTIPLE
Contattaci per un preventivo personalizzato

 

RELATORI:

AVV. EMILIA PISELLI
AVV. GIULIO NARDELLI

 

Supplemento per Attestato di Partecipazione certificato in Blockchain: € 20,00

PROGRAMMA
  • La nozione di subappalto
  • I contratti similari al subappalto
  • Le modifiche all’art.105 del Codice
  • La sospensione delle norme riguardanti la terna e le esclusioni in gara.
  • I limiti al subappalto: la percentuale attualmente subappaltabile
  • Le tre condanne della disciplina nazionale da parte della Corte di Giustizia
  • Le più recenti decisioni del Consiglio di Stato e del TAR Lazio
  • Il contratto di subappalto
  • I requisiti del subappaltatore
  • L’istanza di subappalto ed i documenti ad essa connessi
  • L’autorizzazione al subappalto
  • I controlli sul subappaltatore da parte della committente e da parte dell’appaltatore
  • Le responsabilità dell’appaltatore sulle attività del subappaltatore
  • Le problematiche in materia di sicurezza
  • I rapporti con il subappaltatore
  • La responsabilità fiscale/contributiva dell’appaltatore
  • L’azione di regresso nei confronti del subappaltatore
  • Il pagamento del subappaltatore: il pagamento da parte dell’appaltatore, il pagamento diretto e la sua natura
  • Oltre il subappalto: i contratti continuativi di cooperazione per servizi e forniture.
  • I subcontratti non assimilabili al subappalto
  • Il distacco di lavoratori ed i suoi presupposti
  • La comunicazione dei subcontratti
  • La tracciabilità della filiera delle imprese
  • Subappalto non autorizzato: configurazione di un delitto
  • Subappalto non autorizzato: gli effetti civili
  • Il subappalto nelle concessioni.

FINALITÀ DEL CORSO DI FORMAZIONE

Il corso è finalizzato ad illustrare la più recente disciplina afferente l’istituto del subappalto, in bilico tra istanze nazionali e censure comunitarie. Sospesa, da ultimo a tutto il 31 dicembre 2021 dall’art.13 del decreto legge 183/2020 (“Milleproproghe“) la discussa disciplina dell’indicazione della terna, l’attuale quadro normativo, pone, infatti, moltissimi interrogativi in sede applicativa, mentre la Commissione Europea e la Corte di Giustizia hanno censurato con ben tre decisioni numerosi aspetti della normativa nazionale, a cominciare dai limiti posti per legge alle attività subappaltabili. Si aggiunge la riforma penale italiana che ha trasformato il subappalto non autorizzato da contravvenzione a delitto, punendo più severamente i trasgressori. In questo contesto, si cercherà di tracciare una linea interpretativa per superare le diverse problematiche operative che preoccupano tanto le Stazioni appaltanti quanto gli operatori economici, specie laddove sia in ballo la spendita di risorse comunitarie.

DESTINATARI
– RUP, dirigenti e funzionari di stazioni appaltanti, Pubbliche Amministrazioni e Aziende pubbliche
– Fornitori e prestatori di servizi della P.A.
– Responsabili degli Uffici tecnici e delle gare di appalto di Enti pubblici e Centrali di committenza
– Responsabili tecnici ed amministrativi di imprese e soggetti privati operanti nel settore degli appalti pubblici
– Operatori economici
– Liberi professionisti

 

 

SEDE DEL CORSO: Via Giuseppe Mercalli, 11, 00197 Roma, Italia